Ratatouille di peperoni

INGREDIENTI Strumento: padella
Rivestimento: whitech

1 peperone rosso, 1 peperone giallo, 1 peperone verde tagliati a strisce e poi a pezzetti, 2 melanzane tagliate a cubetti, 6 pomodori spellati e privati dei semi, tagliati a pezzi grossi, 2 cipolle tagliate a pezzetti, 4 zucchine tagliate a cubetti, 2 spicchi di aglio interi, 1 mazzetto aromatico, sale e pepe

PREPARAZIONE

Scaldare la padella con un cucchiaio di olio e rosolare tutte le verdure a fuoco moderato, unire il mazzetto aromatico, l’aglio (a fine cottura verrà tolto) e cuocere per venti minuti circa, finché tutte le verdure saranno ben tenere. Con la ratatouille si può condire una pasta o un riso oppure servire come contorno o come antipasto sopra un crostino di pane.
Ratatouille è quello che i francesi definiscono un ragout con diverse verdure stufate. Specialità tipicamente provenzale, secondo la formula originaria ogni verdura dovrebbe essere soffritta separatamente in poco olio, poi unita alle altre per una comune cottura.

L'idea in più

Come si preparano per la cottura: il peperone va spellato preferibilmente a crudo, adoperando un comune pelapatate; in questo modo si potrà servire in insalata visto che risulta molto più digeribile (anche alla percezione tattile senza buccia riesce molto più gentile). Tra le affinità aromatiche che si sposano con il peperone, vanno sicuramente annoverate quelle con l’aglio e la cipolla. Fra le erbe aromatiche, il basilico e la cipollina sono le più indicate. Per quanto riguarda le preparazioni: stufato con cipolla, pomodoro e un profumo di aglio, frullato, passato al setaccio e diluito con un po’ di panna fresca, il peperone – ridotto così a crema – diviene un’impeccabile salsa di accompagnamento per pesci e soprattutto crostacei, dei quali condivide la dolcezza. Le specie più conosciute sono: la California Wonder di colore giallo oro, il quadrato d’Asti di colore giallo o rosso e il corno di bue di colore giallo, rosso o verde.